top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreCLICKANDSAILING

Nozioni di base sulla navigazione 1


Nozioni di base sulla navigazione a San Blas Di seguito elenchiamo una serie di nozioni che ogni persona che prende il mare con una barca a vela deve tenere in considerazione per poter navigare correttamente e senza contrattempi. Concetti base di navigazione In navigazione bisogna sempre stare seduti sul lato sopravvento dello scafo, che è il lato da cui arriva il vento, e a poppa, ma non all'estremità, dato che bisogna lasciare spazio al movimento del timone . Il timone è tenuto dal timone o dal bastone con la mano che guarda a poppa e con quella che guarda a prua si afferra la scotta della randa. Non devi far cadere questi due oggetti durante la navigazione.


que hacer en panama
cursos de navegación en velero y catamaran en San Blas

A seconda del vento devi sederti all'interno o sul bordo esterno del casco o in caso di molto vento appoggiati all'indietro o addirittura appesi all'imbracatura. Lo scopo è che la barca sia appiattita rispetto alla superficie del mare. Quindi, con molto vento e stando all'interno, sbanderebbe (inclinerebbe) sottovento perché la forza del vento è maggiore di quella dell'equipaggio, e al contrario, con poco vento e stando sul bordo esterno, si sbanderebbe al vento perché la forza del vento in questo caso è inferiore a quella dell'equipaggio La chiusura della vela si chiama caccia e si fa tirando la scotta. Al contrario, grindare è aprire la vela, bisogna calare la scotta. Devi portare le vele gonfie, tutte piene di vento ma senza andare troppo lontano. Se prendi una direzione e la vela sbatte, cacci finché non smette di arricciarsi accanto all'albero. Devi costantemente controllare la parte delle due vele che è più avanti, lì puoi vedere se prendono male il vento quando sono leggermente regolate.


archipiélago de san blas
navegación en San Blas

È molto importante che durante la navigazione guardiamo sempre avanti, oltre la prua, costantemente per evitare collisioni, collisioni o travolgimenti. La nostra sicurezza e quella degli altri dipende proprio dall'attenzione che stiamo prestando. Per governare la barca, si fa con il timone, che è simile al volante dell'auto: – Se porti il ​​timone verso di te sopravvento, la barca andrà a trovare il vento. – Al contrario, allontanando il timone sottovento, la barca andrà a cercare da dove viene il vento. In questo modo dirigeremo la nostra barca esattamente nel luogo che vogliamo. Quello che abbiamo appena fatto, rispetto al vento, si chiama orzare, cioè quando la prua della barca va a cercare il luogo da cui proviene il vento. Si dice invece arrivare quando la prua cercherà la stessa direzione del vento (dove va il vento): Navigazione e Corsi Quando si naviga, è fondamentale sapere come andare in una direzione o nell'altra. Per fare questo, devi conoscere la direzione del vento. C'è un angolo di 45º per ogni lato della direzione del vento che è impossibile percorrere, poiché la barca rimarrebbe controvento e le vele sbatterebbero e di conseguenza la barca andrebbe alla deriva. Le diverse direzioni in cui ci troviamo sono:


guna yala

Controvento: è la rotta più vicina alla provenienza del vento. Il vento entra dalla mura e per sfruttare al meglio questo ingresso le vele saranno chiuse al massimo. Il boma è all'altezza della pinna, che è la parte poppiera dello scafo. È uno dei corsi più difficili da svolgere ma molto necessario. Se devi andare controvento allora fai diverse battute a zigzag, è l'unico modo per andare controvento. Attraverso: questo è il corso più semplice. Naviga a 90º rispetto alla direzione da cui proviene il vento e viene ricevuto attraverso lo scafo. Cioè la barca è perpendicolare al vento e le vele semiaperte. Questo percorso è quello che il principiante deve seguire per primo, a sinistra ea dritta del vento, poiché ritorna allo stesso punto di partenza.

cursos de manejo de catamaranes y veleros en San Blas
formación basica y avanzada de navegación ensangrentada blas

Largo: Su questa rotta il vento viene ricevuto a 135º ed entra dalla pinna dello scafo. La vela è ancora più aperta che al traverso e la deriva può essere alzata un po'. È la rotta in cui la barca va più veloce. Sottovento: Il vento viene ricevuto dalla poppa della barca e le vele sono completamente aperte, cioè perpendicolari allo scafo. In questa posizione le vele possono essere una a sinistra e l'altra a dritta, questo si chiama orecchie d'asino. È possibile alzare completamente la deriva poiché qui non fa molto lavoro. Le deviazioni di rotta devono essere corrette in quanto è facile perdere la rotta ed è possibile strambare inavvertitamente, il che può essere pericoloso poiché la vela cambia bruscamente lato e il boma può colpire duramente la testa del marinaio. Potremmo dire che le due forme estreme di navigazione sono di bolina e di poppa; Non ci può essere niente di più diverso dei due sistemi di forze che vi intervengono. Mentre di bolina la barca a vela è bilanciata e tende a mantenere la rotta (quindi è in equilibrio stabile), sottovento tutto contribuisce a far uscire la rotta dalla barca. Vediamo cosa succede di bolina: la spinta delle vele dà una risultante con grande spinta laterale e poca spinta propulsiva, ma l'effetto antideriva fornito dalla chiglia o dalla deriva permette alla barca di avanzare. Confermiamo qui che la spinta laterale delle vele e la resistenza del profilo sommerso devono essere uguali, altrimenti la barca andrebbe alla deriva lateralmente. Quindi abbiamo un primo equilibrio. Ma se diciamo che la barca a vela naviga in un equilibrio stabile, ci riferiamo più alla sua disponibilità a mantenere la rotta, contro la tendenza a separarsene che registra quando va a poppa. Immaginiamo che la barca a vela orzi troppo, vuoi per la sua tendenza naturale, vuoi per un cedimento del timone, vuoi per un'onda: se le vele sono regolate correttamente, la randa sarà la prima a subire lo slittamento prodotto dal Genova. Anche se si rompe anche all'inferitura, il centro effettivo della vela si sposterà in avanti, il che, unito alla perdita di velocità della barca a vela che la farà scivolare lateralmente sull'acqua man mano che il suo piano di deriva diventa meno efficace, contribuirà a rendere ritorna al corso. . Se il bilanciamento delle vele è corretto, anche quando la barca scende troppo, l'efficacia del genoa diminuirà, in quanto coperto dalla randa. Il centro velico si sposterà verso poppa, dando alla barca il desiderio di orzare e riportandola alla sua rotta iniziale. Questo movimento automatico potrebbe non essere molto evidente sulle barche odierne a causa dell'ampia superficie della pala del timone, che in molti casi è sfalsata. Poiché il timone è mobile e influenza la rotta in modo così notevole, il suo effetto può essere sull'equilibrio della barca a vela. Legando il timone in una posizione fissa, l'equilibrio è più facilmente osservabile. Se andiamo da bolina a squartare, quando si allentano le scotte, scopriremo che la barca ha una tendenza ancora maggiore ad orzare. Perché questo è dovuto, se sembra che quando si allentano le scotte il centro velico si sposti in avanti e quindi la barca dovrebbe essere più gestibile? Un piccolo disegno ci permette di vedere come, aprendo le vele, il centro di spinta si sposta di lato e produce un momento di virata che costringe la barca ad andare orzando. Questo è un punto di squilibrio che può essere compensato solo azionando il timone. Quanto all'equilibrio che naviga a valle, anche la fisica contraddice la prima impressione e mostra che è la più instabile e complessa. Ipotizziamo che una barca a vela navighi spinta dal vento senza raggiungere la sua velocità massima, con la randa e lo spynaker alzati. La prima cosa che si nota è l'equilibrio tra le due forze opposte della spinta delle vele e del freno provocato dal passaggio dello scafo in acqua. Se la spinta è maggiore, la nave accelererà, all'aumentare della velocità, la resistenza aumenterà, così che quando entrambi saranno uguali, si verificherà l'equilibrio. Qualsiasi piccolo incidente che porti la barca fuori rotta può facilmente farla perdere l'equilibrio. Finché la spinta dello spynaker e della randa sono in linea con il baricentro della barca e quindi con il punto di frenata, la barca andrà dritta. Ma bastano solo cinque gradi di sbandamento perché la randa e la spia si avvicinino di lato e orzino la barca. Se nessuno lo corregge al timone, la spia può diventare vuota; maggiore sarà allora l'unica forza propulsiva che farà orzare la barca fino a incrociarla al vento. Preferenze di navigazione Come possiamo prevenire gli abbordaggi? Conosciamo le "preferenze di via" in mare? Queste domande di base a volte possono essere domande complesse che danno luogo a situazioni rischiose quando le affrontiamo. La maggior parte delle collisioni accidentali che avvengono in mare sono dovute all'ignoranza di queste semplici premesse che vi mostriamo di seguito. Per sapere chi avrebbe la preferenza in queste situazioni, non devi far altro che passare sopra la barca di cui vuoi sapere la preferenza di cui godrebbe. Quando due navi a vela si avvicinano l'una all'altra, con rischio di collisione, una di esse deve tenersi libera dalla rotta dell'altra, nel modo seguente: – Quando ciascuno di loro riceve il vento da parti opposte, quello che lo riceve starà lontano dalla sconfitta dell'altro. – quando entrambe ricevono il vento dalla stessa parte, la nave che sta sopravvento si terrà discosta dalla rotta di quella che sta sottovento. – se una nave che viene spinta a sinistra avvista un'altra nave sopravvento e non può determinare con certezza se l'altra nave è spinta a sinistra oa dritta, deve tenersi fuori dalla rotta dell'altra. La semplice osservazione di queste preferenze di passaggio ci risparmierà seri problemi nel caso di trovarci in una qualsiasi delle possibili situazioni proposte.

Comments


bottom of page